CENACOLO DEI POETI E ARTISTI DI MONZA E BRIANZA


Vai ai contenuti

Volo d'anima

I nostri Soci > Poeti-Scrittori > Gatti Gianna

1991

Prefazione


Le bianche vele del pensiero si gonfiano di parole e la poesia naviga per rotte sconosciute dove persino l'intenzione del "manifestare", del "comunicare" diviene rischio, avventura dai risvolti confusi dalla nebbia del pudore...Gianna Gatti, dopo molte reticenze ha infranto il muro del silenzio e con questa raccolta dal titolo "Volo d'anima" affronta l’attuale disagio esistenziale e con immediato ed elegante tocco, espleta un'indagine esplorativa nel sottobosco degli umani comportamenti per trarre infine l'humus della vera esistenza.
È un andare a ritroso nei meandri della memoria, un confrontare realistico fra il dare e l'avere e il bilancio, non sempre in attivo, porta questa abile poetessa alla soglia della verità "e della conoscenza".
Pensieri, stati d'animo, immagini di luoghi, di persone, suoni, voci, si rincorrono fra le righe in un girotondo che a tratti assume il ripetitivo ritmo di un tam-tam.
Il dolore, la solitudine, sempre presente al desco della sera, sono per la poetessa, quotidiano pane da sbocconcellare quasi con noncuranza, il pensiero, l'anima sono altrove; vanno liberi per la via lattea dove tutto è armonia cosmica e l'alato carro dell'anima è luce d'infinito. L'amore, unica fiamma, avvolge la parola, penetra il verso e il messaggio appare nella sua formale chiarezza: la poesìa è comunicazione per non essere "soli in mezzo agli altri". Ed è ancora l'amore la leva che può sollevare il mondo dalla sua apatia, dall'indifferenza e da tutte quelle forme di violenza ai diritti umani. Gianna Gatti è poetessa d'istinto e la Musa, materna, l'accoglie fra le sue braccia per esortarla a proseguire nella via della lirica poiché i moti dell'anima si possono esternare non solo a livelli comportamentali, ma anche con le opere e questa raccolta può essere interpretata come un reale vademecum di vita da esaminare, valutare, e perché no, ricordare nei momenti di "
buio" del nostro quotidiano.

Bianca Buono

Accattone

Stai lì, accovacciato sul marciapiede,
lo sguardo perso nel vuoto...
Accanto a te il tuo cane tiene in bocca un feltro sgualcito…
Fermo ai tuoi piedi un cartello con la scritta:
"Abbiamo fame, grazie".
La gente passa indifferente e va...
Mi dici: "Grazie, tante grazie" per un piccolo obolo;
mi fermo e ti chiedo cos'è la vita per te,
quali sono i tuoi pensieri, le tue lotte perse,
i desideri svaniti nel tempo, gli amori lontani
delusi...
Tu mi guardi con occhi fìssi e tristi,
ma la tua bocca ormai ha una piega amara
non sa più parlare...

Volo d’anima

Volerò nel vento.
Sì, volerò negli spazi luminosi ed eterni
ove c'è sentore di libertà, di silenzi,
di profumi di mare di pino e d'ulivo;
e sarò un'anima libera assieme a Dio e al Creato.
Volerò sopra la terra rossa,
sopra le sue gioie e i suoi dolori,
e finalmente col vento sarò felice di vivere.


L’ultima ballata

Lento, dolce, piano piano
come un volo di gabbiano
è la tua ballata
hai ballato tutta una vita
la tua è stata una danza veloce,
forte, violenta
e tu come in un vortice
hai ballato in sogno
ora felice, ora triste hai danzato
al lume di candela,
hai ballato tra luci sfavillanti di cristallo,
tra applausi e gloria.
Ma ora sei stanco...
la tua danza lenta è finita
e a piedi nudi sulla sabbia,
in riva ad un mare nero e buio,
di notte
tra la musica dolce delle onde,
hai terminato la danza della tua vita…

Home Page | I nostri Soci | Notiziario | Le pubblicazioni | Concorsi | Eventi e Mostre | Rassegna Stampa | Artisti in vetrina | Contatti | Link | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu